Con il termine dislipidemia si intende un'alterazione della quantità di lipidi presenti nel sangue. Poiché il termine comprende non una, ma più patologie, è più corretto parlare di dislipidemie al plurale, giacché le varie forme possono avere origine diversa, trattamenti diversi e soprattutto conseguenze diverse sulla salute dell'individuo affetto. Le dislipidemie infatti sono uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare.

A seconda delle cause, le dislipidemie si distinguono tradizionalmente in:

  • primitive (su base genetica)
  • secondarie (o acquisite).

Tra le secondarie si classificano anche quelle forme che, pur partendo da una predisposizione familiare, vedono come causa principale fattori legati all'alimentazione o a stili di vita errati. I questo caso si parla di dislipidemie multifattoriali.